mercoledì 22 marzo 2017

Chi lavora in Atelier?




Buongiorno Amiche,









questa mattina inizio una piccola serie di post per me molto speciali.
Posso, finalmente, parlarvi dell'Atelier Loulou, un piccolo laboratorio, conosciuto anche come "miniera" o "torre" (le ragazze sono spiritose), dove vengono realizzati a mano capi unici, dallo stile un po' retrò e con un'attenzione particolare ai dettagli.






Ma chi c'è dietro la macchina da cucire? C'è lei: Barbara Ivani.





Instancabile, sempre alla ricerca di modelli nuovi, Barbara ha una lunga esperienza con ago e filo.

"Fin da piccola ho osservato le donne della mia famiglia creare capolavori straordinari dando vita a tessuti e filati.

Rubacchiavo i ritagli della mamma, che faceva la sarta, per agghindare non tanto le bambole, quanto i gatti di casa, e mi davo un tono serissimo quando mi permetteva di passare i punti molli o assicurare i fili sugli abiti delle clienti.







Non servono molti mezzi per creare cose belle: quello che serve in abbondanza sono l’umiltà per imparare, la pazienza nell’esercitarsi, il buon gusto e il coraggio di assecondare la propria fantasia.

Conservo quel che ho appreso come un tesoro e per non dimenticarlo cerco di renderlo vivo a mia volta, nella continua ricerca di un'eleganza fatta di linee pulite, finiture accurate e dettagli preziosi.

Questo è il mio modo di costruire bellezza: creare cose che narrano storie, a partire dal loro essere fatte a mano, perché le mani sono strumenti che raccontano meglio delle voci. E se quello che realizzo avrà il destino di passare di mano in mano, si arricchirà di nuove storie e di nuova bellezza."



Il mistero che si cela dietro all'Atelier si sta svelando; nei prossimi giorni potrete, finalmente, ammirare ed acquistare i capi che le ragazze stanno confezionando con molta cura per Voi. Ho già dato una sbirciatina e posso dire: che incanto!

Buon mercoledì,








Nessun commento:

Posta un commento